Dott.ssa Barbara Pagliari, psicoterapeuta e criminologa
Dottoressa

Barbara Pagliari

Benvenuto sul mio sito professionale.

Scopri chi sono, di cosa mi occupo e se posso esserti d’aiuto.

Psicologa a Milano, in Brianza e Online

Psicoterapeuta e Criminologa

Il trauma nel corpo

Hai dei problemi fisici, ma gli esami medici sono sempre negativi? Disturbi psicosomatici come extrasistole, gastriti, dermatiti, disturbi del sonno, stanchezza cronica e via dicendo, sono solo alcuni esempi di emozioni (come rabbia o senso di colpa) bloccate nel corpo, che generano il problema fisico.

La fine di una relazione

Chiudere una relazione sentimentale non è mai facile e la sua fine può essere vissuta in maniera traumatica come un fallimento più o meno grande ed emotivamente devastante, a seconda dell’importanza che essa ha avuto. A volte però, ripartire è più difficile di altre. Perchè? Lo scopriremo.

L'elaborazione del lutto

La perdita di una persona cara è un momento di forte stress e tristezza e l’adattamento alla perdita può mettere a dura prova il “sopravvissuto”. Ma un lutto può anche essere inteso in senso lato come cambiamenti o perdite, ad esempio un divorzio, un licenziamento o demansionamento, un pensionamento, un trasferimento oppure una perdita economica o di status.

C'è trauma e Trauma

Distinguiamo il Trauma con la T maiuscola, derivante da eventi di impatto che minacciano la nostra sopravvivenza e integrità e che può condurre ad attacchi di panico, depressione e Disturbo da Stress Post-Traumatico, dal trauma con la t minuscola, derivante dal lontano passato e che prende forma come un malessere generico che minaccia la mia felicità odierna e futura.

Come si inizia una psicoterapia?

Arrivare al primo colloquio, specie se la prima volta, è già di per sé un’azione molto coraggiosa. Senza saperlo, hai già attivato un processo di cambiamento: hai iniziato a farti delle domande, ti sei documentato, hai deciso di chiedere aiuto e mi hai contattata. Brava/o! Hai già iniziato a intraprendere la tua trasformazione. D’ora in avanti non dovrai affrontare più tutto da solo e in due, si sa, la paura si dimezza.

1

Primo Colloquio

Puoi venire con una lista di cose da dire oppure fare scena muta; ti puoi sorprendere nel vomitare un fiume di parole o chiedermi di guidarti facendoti domande. Il primo colloquio è tuo e lo gestiremo insieme affinchè provochi il minor disagio possibile.
2

Obiettivo terapeutico

Dopo alcuni incontri di approfondimento della tua storia personale e (se opportuno) di somministrazione di test psicologici, si stabiliscono insieme quali obiettivi raggiungere, partendo dai più piccoli, concreti e immediati, fino al massimo risultato possibile.
3

Trattamento

Questa è la fase in cui la magia avviene. A volte la si può intravedere fin dalle prime sedute, altre volte ci mette un pò. Ma se collaboriamo perchè essa arrivi, prima o poi arriva davvero.
Testimonianze

Cosa dicono i miei pazienti

Rispondo alle

Domande più frequenti

  • Ti occupi solo di traumi?
    Ni. Secondo il mio modo di lavorare, ogni sintomo, malessere e relazione disfunzionale risalgono a un trauma (o a un Trauma) più o meno evidente. In sostanza, le difficoltà che stai affrontando oggi sono il risultato di una serie di predisposizioni passate che, a un certo punto, si sono scatenate nel presente. Partendo da questa base, le problematiche sulle quali intervengo sono diverse. Puoi vederne una lista cliccando su Come Posso Aiutarti.
  • Quanto dura la psicoterapia?
    Dipende. Dipende dalla cadenza delle sedute. Dipende dalla motivazione al cambiamento e dalla quantità di energie messe in campo per compierlo. Dipende dal tipo di problema e dal tipo di persona. Solitamente i problemi di ansia si risolvono in circa 6 mesi, ma non è una regola scritta e non vale per tutte le problematiche. Come ho detto, dipende.
  • In seduta mi sdraio sul lettino?
    Assolutamente NO! Durante i nostri colloqui sarai seduto su una poltrona, vigile, attivo e coinvolto. Sei il motore della tua trasformazione; questo vuol dire che il lavoro non si esaurisce nell’ora di colloquio, ma ti verrà richiesto di “fare fatica” dalla fine della seduta all’inizio di quella successiva. Questo approccio è per chi non vuole passare 10 anni in psicoterapia; in caso contrario ho un mutuo da pagare, quindi a me va bene lo stesso! 😉
  • Non sto bene, ma non so il perchè. E’ giusto andare dallo psicologo?
    Non è giusto: è PERFETTO! Il primo obiettivo da raggiungere sarà quello di costruire insieme la tua domanda e comprendere l’origine del malessere e di che tipo esso sia. Una volta capito questo, possiamo intervenire attivamente per cercare di risolvere il problema.
  • Che cadenza hanno le sedute?
    All’inizio quasi sempre settimanale, tranne delle eccezioni di carattere prettamente economico. La psicoterapia è una collaborazione, quindi si decidono insieme i termini dell’accordo. Ovviamente, più si allungano le sedute, più è probabile che si allunghi il tempo di raggiungimento dei risultati.
  • Prescrivi farmaci?
    No. Gli psicofarmaci li prescrive lo psichiatra. A volte servono, ma si è contrari a prenderli. A volte non servono, ma se ne abusa. E’ cosa buona e saggia affiancare la terapia farmacologica alla psicoterapia, altrimenti il rischio è che non serva a granchè. Il farmaco evita che i sintomi del malessere creino più danni, ma non eliminano il malessere che causa i sintomi!
cover ebook-trauma

Vuoi approfondire?

Scarica il mio ebook sul trauma

La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente, per completare la procedura di iscrizione e ricevere il tuo ebook clicca sulla mail di conferma che ti abbiamo mandato.